Come scegliere un template di Magento da acquistare

da Antonio Carboni.

Be Sociable, Share!

    Da un pò di tempo a questa parte ricevo sempre più frequentemente richieste di aiuto o di supporto in merito a dei temi per magento acquistati su vari marketplace.
    Questi temi risultano spesso buggati, fatti in modo molto approssimativo o in modo errato.
    Come capire quindi che tema acquistare?

    Leggere le recensioni

    La prima cosa da fare consiste nel cercare recensioni per quel tema. Se il tema è stato acquistato da altre persone che lo hanno giudicato in maniera negativa, probabilmente hanno lasciato traccia sul web della loro delusione. Controlla sempre sul web cercando più combinazioni in merito al tema e all’autore. Non bisogna trascurare infatti la disponibilità dell’autore nel correggere dei piccoli bug sopratutto se non si è competenti e si è impossibilitati a correggerli da soli.

    Provare il tema

    Altro punto importante è la prova del tema. Spesso ci si lascia convincere dalla home o dalla pagina prodotto ma Magento è molto vasto e le pagine interne vengono spesso trascurate. Prendi il tema di default e fai le dovute comparazioni. Se cominci a notare troppi elementi simili o addiritura identici, (pulsanti, blocchi, colori bordi ecc..) significa che il tema è stato personalizzato pochissimo. Come ho già detto, non fermarti alle pagine principali ma vai oltre, prova la registrazione, form, prodotti di diversa tipologia, i vari tipi di checkout, pagine di errore ecc…. Un tema di qualità sarà sicuramente testato per tutte queste pagine e troppe somiglianze indicano una modifica minima al css.

    Controllate il percorso dei file del tema

    Può sembrare sciocco ma spesso chi realizza un tema per Magento non si è preso nemmeno la briga di leggere i documenti con le linee guida ufficiali per lo sviluppo di un tema. Capita così di trovare dei temi (ma anche moduli) che invece di avere un proprio pacchetto di design (es. app/design/frontend/design-personalizzato/) hanno il tema all’interno del pacchetto base (app/design/frontend/base/design-personalizzato/). Questo è un errore gravissimo!! Il pacchetto base non deve essere modificato in NESSUN CASO e nessun tema deve essere inserito in quella cartella. Quella cartella viene caricata per la presentazione del frontend dal core di magento e viene puntualmente sovrascritta ad ogni aggiornamento della piattaforma. Quando vedi un tema o un modulo posizionato in quella cartella (controllando ad esempio il percorso del file css) evitalo come la peste!!

     

    Controllare il numero di file modificati

    Questo è purtroppo uno degli aspetti più difficili da verificare. I temi di magento sono strutturati in modo da avere meno modifiche possibili. La piattaforma infatti carica prima i file del tema in uso e poi successivamente quelli mancanti dal base. Uno sviluppatore poco pratico della piattaforma commette talvolta l’errore di fare una copia intera del base e di utilizzarla per il tema. Sebbene il tema sia funzionante, un successivo aggiornamento non verrà registrato in quanto tutti i file vengono caricati dal nuovo tema e non dal base. Come se non bastasse se il cambio di versione è abbastanza drastico e tante funzioni sono state modificate, avrai più di 600 file da controllare e da comparare con la nuova versione. Io personalmente uso un metodo semplice anche se non troppo affidabile. Consiste semplicemente nel cercare tra il sorgente del tema (ovviamente della demo) all’interno del tag <head> alcuni file javascript e css del base, in particolare

    skin/frontend/base/default/css/widgets.css

    che normalmente non viene quasi mai modificato. Se lo si trova in un percorso del tema personalizzato, con molta probabilità e stata fatta una copia. Ciò ovviamente non è sufficiente in quanto lo sviluppatore potrebbe aver avuto l’esigenza di modificarlo, tuttavia se oltre a questo riscontri anche altri aspetti negativi affrontati nei punti precedenti, vacci cauto ed eventualmente chiedi allo sviluppatore maggiori informazioni sul tema e sul numero di file.

    Compatibilità Versione e compatibilità multi Browser

    Punto importante da non sottovalutare è quello della compatibilità. Prima di tutto è opportuno verificare che il tema che si intende acquistare sia stato aggiornato alla versione di Magento che si utilizza, successivamente sempre tramite la demo, verificare con più browser che il tema non contenga errori. Verificare sopratutto con i browser più problematici, ossia Internet Explorer 7 e Internet Explorer 8. E’ molto importante infatti per un negozio ecommerce essere fruibile dal maggior numero di utenti possibili. Trascurare una fetta di potenziali acquirenti è impensabile per un negozio online e ciò si traduce ovviamente in mancati guadagni. Se un tema non è stato ottimizzato per alcuni browser, devi necessariamente rimediare fixandolo in più parti o facendo svolgere il lavoro a un professionista. Di conseguenza la spesa finale per la parte grafica di Magento sarà molto più alta di quanto hai preventivato inizialmente.

     

    Se invece sei un webdesigner e ti stai cimentando in Magento per la prima volta, non sottovalutare questi aspetti ma anzi conservali come una lista di quello che non si dovrebbe mai fare nello sviluppo di un tema. Vedrai che così il tema sarà più apprezzato sia dai professionisti che dai clienti.

     

    0
    Commenti
    Scopri la nuova guida per la creazione e modifica dei template di Magento

    AUTORE:

    Antonio Carboni è un webdesigner di Cagliari. Particolarmente attivo nel campo dell’ecommerce e grande conoscitore della piattaforma Magento. Dopo la maturitá scientifica intraprende la professione di webdesigner freelance collaborando con diverse societá in tutta italia.
    Google+ | Facebook | Twitter | Linkedin

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>